Vernissage sabato 12 dicembre 2015 ore 18 fino al 24 gennaio 2016

Curata da Mariasole Vadalà, l’esposizione presenta una serie di opere che raccontano il percorso intrapreso dalla giovane artista in questi ultimi anni. Sulla tela, inizialmente immacolata e poi sempre più elaborata, sono riportate strisce di led che ricordano profonde lacerazioni. Una volta accesa, è la luce a divenire l’elemento unificatore delle parti: i lembi si riuniscono e lo squarcio si rimargina. La ferita, però, non svanisce, resta come restano i tagli dell’anima, spesso incurabili persino in seguito all’azione del tempo. Le cicatrici di luce, dorate e preziose, dunque, si presentano in quanto opportunità, uno spiraglio attraverso cui è possibile entrare in contatto con l’essenza e l’autenticità della propria vita.